Date un’impronta «eco» al vostro matrimonio

Di questi tempi anche l’organizzazione delle nozze deve affrontare la sfida della sostenibilità: una serie di consigli per avere una cerimonia stupenda, ma anche ecologica

Sta per partire la stagione dei matrimoni, al vostro avete già pensato? Cominciate a progettarlo in anticipo per risparmiare, ma anche con un occhio di riguardo all’ambiente. Come tanti altri ambiti di attività, anche quello legato alle nozze si trova ad affrontare una sfida importante e decisiva per il proprio futuro: quella della sostenibilità ambientale. Sempre più coppie vogliono infatti convolare a nozze riducendo allo stesso tempo il più possibile l’impatto del loro evento sull’ambiente. Ecco una serie di consigli per riuscirci.

Luce del sole e chilometro zero. Per prima cosa, semplice quanto efficace (sia per l’impatto quanto per la riduzione del budget): sposarsi di giorno, risparmiando in questo modo sull’illuminazione e sul consumo energetico del ricevimento. Un altro aspetto critico per molti matrimoni è la logistica: spesso gli ospiti devono convergere verso l’evento da località diverse, provate a mettere a disposizione dei mezzi di trasporto collettivi oppure ad incoraggiarli a fare carpooling, così da condividere i costi e l’impatto del loro avvicinamento alla vostra festa. Se pensate di utilizzare il catering assicuratevi che sia a chilometro zero e affidatevi ad aziende locali. Diverse società del settore offrono un’opzione green per i propri clienti.

Partecipazioni? Meglio digitali. Di solito, sposarsi, significava preparare e spedire un grande quantitativo di carta, dalle partecipazioni prima ai ringraziamenti per ospiti dopo. Un primo passo per ridurre l’impatto, quindi, è spedire via e-mail gli inviti oppure annunciarlo con un video. Niente carta e francobolli da inviare. D’altra parte, quante partecipazioni di matrimoni altrui conservate ancora? In alternativa, si può optare per la creazione di un sito web per comunicare la data e il luogo dell’evento agli ospiti.

Abiti in tessuti eco e oro etico per le fedi. Anche gli abiti della sposa e dello sposo possono essere di una bellezza indimenticabile e nel contempo rispettare la vostra coscienza ecologica. Come? Ci sono quelli creati con tessuti naturali, quelli realizzati attraverso materiali riciclati e di recupero (come scampoli, vecchi tessuti, centrini, c’è una stilista che usa addirittura la plastica) o anche optando per il fascino del vintage. Anche l’oro delle fedipuò essere riciclato: alcuni artigiani trasformano i vecchi gioielli che avete in casa, fondendo l’oro e facendone delle fedi, con un gesto circolare e ciclico che può avere anche un grande significato affettivo. In alternativa acquistate le fedi con una certificazione di prodotto equo-solidale, estratto con tecniche non invasive, senza agenti chimici o esplosivi.

Bomboniere, meglio solidali. La bomboniera è un ottimo strumento per trasformare la vostra gratitudine per la felicità del giorno più bello in qualcosa di concreto: potete optare infatti per una bomboniera solidale, come quelle di Airc o Save the Children (ma ce ne sono molte altre), che permettono di dedicare quella parte del budget a donazioni per organizzazioni benefiche. Un discorso analogo si può fare anche con la lista nozze: potreste chiedere ai vostri ospiti una donazione per una causa che vi sta particolarmente a cuore. Avete pensato di estendere questo lodevole sforzo di eco-consapevolezza anche al viaggio di nozze? Ottima idea, ambientate la vostra luna di miele in un eco-resort, con una provata certificazione di sostenibilità nei confronti degli oceani e della cultura locale.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.